Dottore

No, dal dottore non ci vado!

Questa frase è un classico in bocca a tantissimi bambini. Che si tratti di una visita dal pediatra, di un controllo dal dentista o di una vaccinazione il risultato non cambia, i bambini sono spesso intimoriti anche solo all’idea di trovarsi faccia a faccia con un medico. Per molti, soprattutto quelli che hanno vissuto esperienze di ospedalizzazione, la visita dal pediatra è un momento di forte disagio emotivo che viene manifestato con pianto, ansia, rifiuto di farsi visitare.

Il fattore principale del disagio provato dal bambino è sicuramente dovuto all’associazione camice bianco e invasività. Come comportarsi? Prima di tutto è dare il buon esempio. Spesso siamo noi per primi che abbiamo timore del camice bianco e per questo rischiamo di influenzare il bambino. Importante è non minimizzare il suo disagio perché si rischia solo di farlo sentire inadeguato. Bisognerebbe invece dare il giusto peso alla sua richiesta di rassicurazione.

Altra regola, non mentire mai e non dire che la vaccinazione non farà male ma dire ad esempio “Sentirai solo un piccolo pizzicotto, vedrai che passerà presto”. Evitate di metterlo di fronte al fatto compiuto tenendo nascosta la visita, o addirittura mentendogli dicendo di andare in un posto che a lui piace, e svelando che si è dal dottore solo prima di varcare la soglia. In questo modo lui non si fiderà di noi e faremo fatica a tenerlo tranquillo.

Risulta allora importante preparare il bambino alla visita e attuare degli accorgimenti che possano attenuare le ansie e le paure dei piccoli. Per preparare il bambino alla visita è opportuno parlargliene in modo positivo e descrivere il medico come una persona buona che non gli farà del male, come una persona che lavora per farlo stare bene e per permettergli di correre e giocare come piace a lui. E’ assolutamente sbagliato, invece, utilizzare il medico come spauracchio (es.: fai il bravo altrimenti il dottore ti fa la puntura).

Una buona idea potrebbe essere quella di regalare al bambino “la valigetta del dottore” con tutto l’occorrente medico e giocare al dottore simulando la visita proprio prima di andare dal pediatra. A volte può essere utile creare un rituale affettivo, come una sosta al parco oppure parlare al pediatra del timore che il bambino riserva nei suoi confronti e richiedergli la disponibilità nel mettere a proprio agio il piccolo paziente. Si può quindi chiedere al medico di togliersi il camice prima della visita, di visitare il bambino, per quanto possibile, in braccio a voi, riscaldare lo stetoscopio, lasciare che siate voi ad appoggiarlo sulla bilancia o magari alla fine della visita di fargli un regalino (ad es. una caramella, un disegno o il diploma di “vero campione di coraggio”…).

Queste semplici indicazioni potrebbero rendere la visita di controllo dal pediatra un momento sereno per bambini e genitori e facilitare il lavoro del medico.

Mary Merenda
Insegnante di scuola dell’infanzia

Post Correlati

Lascia un commento

*