Sabatini Bis

Finalmente al via la “Sabatini-Bis”

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale prende finalmente il via la cosiddetta “Sabatini-Bis”, che consente di ottenere un contributo in conto interessi su finanziamenti destinati all’acquisto (anche tramite leasing) di macchinari, impianti, attrezzature e beni strumentali d’impresa (nuovi di fabbrica e ad uso produttivo), nonché di hardware, software e tecnologie digitali. Sono escluse le spese relative a terreni e fabbricati. Possono beneficiare del contributo le micro, piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi, compresi agricoltura e pesca.
I contributi e i finanziamenti agevolati sono previsti dall’articolo 2 del Decreto Legge n. 69/2013, e sono regolati dalla Circolare n. 4567 emanata dal Ministero dello Sviluppo Economico il 10 febbraio 2014. Le domande alla “Sabatini-Bis” vanno presentate esclusivamente con l’utilizzo del modulo disponibile in formato elettronico sul sito www.mise.gov.it, a partire dal 31 marzo 2014, presso le banche o gli intermediari finanziari convenzionati (l’elenco è disponibile nello stesso sito). Allo stesso modo è reperibile l’elenco di tutta la documentazione da presentare a corredo della richiesta.
Le aziende interessate devono avere sede operativa in Italia ed essere regolarmente iscritte nel Registro Imprese; non devono essere in liquidazione volontaria o avere in atto procedure concorsuali e nemmeno devono trovarsi in condizione di difficoltà.
Gli investimenti sono ammissibili se destinati alla creazione di una nuova unità produttiva o all’ampliamento di una esistente, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento, al cambiamento fondamentale del processo di produzione o all’acquisizione degli attivi direttamente connessi ad una unità produttiva, nel caso in cui l’unità produttiva sia stata chiusa o sarebbe stata chiusa qualora non fosse stata acquisita e gli attivi vengano acquistati da un investitore indipendente.
Attenzione: gli investimenti oggetto del finanziamento possono essere avviati solo successivamente alla presentazione della domanda alla “Sabatini-Bis”; l’erogazione del contributo è subordinata all’effettivo completamento dell’investimento, che deve avvenire entro 12 mesi (nel frattempo è possibile ottenere un prefinanziamento dalla banca convenzionata).
Infine, i beni finanziati dovranno rimanere di proprietà dell’azienda per almeno tre anni. La circolare ministeriale riferisce che fondi a disposizione ammontano a ben 2,5 miliardi di euro! Speriamo quindi che l’iniziativa porti davvero un aiuto concreto alle imprese.

Daniela Bresciani

Post Correlati

  1. Daniela Bresciani Reply

    Ci sono ancora molti fondi disponibili, quindi si potà fare richiesta almeno fino alla fine del 2014, salvo proroga e rifinanziamento

Lascia un commento

*