Rotonda

Una rotonda “sul” mare

OpiGNoni de el Gamba e l’Anselma

Bè insomma…. Avio visto cosa che ghe successo al passaggio a livello de San Pierin? Quel che te cati tre olte serà e una verto, una serà e no pasa el treno e una serà quando passa el treno e desora ghe du macchinisti, un controlor, quattro che ie su parchè ghe toca e du che sicuramente ie in vià viagiar a manca.

Questa le la domanda che core in sti giorni a Bovolon (Boooolon o Bogolon par i multilingue). “Sa ghe de strano, ie invià a far la rotonda nova!” Una rotonda?? Una rotonda??? Una rotonda de solito le un toco de strada tondo appunto, che distribuisse le machine o altro mezzo de trasporto e ghe da na man al traffico. Questo le un caso de labirintite acuta!

I le cambia un giorno si e un giorno anca. E ogni tanto capita qualche incidente, tochi de vero par tera, macchine ferme, colonna, vigili, mi go reson e ti no; e se piove chi mestieri de plastica che i mete rosi e bianchi che me par che i se ciama Gerson i naviga nele pocie fasendo ancora più confusion. I dise che ie par far le prove de viabilità. Te capirè, cosa ghe vol a girar intorno, mettar la freccia e oltar?

Ma non le gnanca la confusion che ne turba. Non le mia catarse lì giorno par giorno e ersar costretti a far el controllor de laori parchè te si fermo lì e le machine no le va avanti. Se ve successo anca a voialtri no ste preoccuparve! In ogni laoro pubblico ghe sempre i due che laora, uno che ie controlla e n’altro che guarda sa fa i primi tre. E comunque in ogni laoro pubblico ghe sempre el cittadin che se ne intende e che el se ferma e fa i commenti su quel che no va ben e quel che inveze ghe da tegner, de solito come minimo o l’è el calzolar in pension o l’è el panetar che la pena finio de laorar.

Comunque la sorpresa più grande, el sguizzo che ho ciapà, la prima roba su cui me cascà l’ocio lè stà no vedar più la scultura del Barba piantà li in mezo!!! Na porta maestosa, imponente, diria quasi ferrea che da ani acogliea i viandanti, paesani e foresti, che a bordo dei propri rombanti calessi ‘ndasea avanti e indrio par San Pierin…..cavà su senza na cerimonia, senza un corteo, senza la fanfara e le masioret, ma da un brazo mecanico che senza gnanca impegnarse tanto el lavarà sradisà e caricà su un camion. La sarà finia La, butà cissà indoe come l’ultimo dei tochi de fero vecio ruzeno.

Sia mai che i abia fatto come el Cristo del Giubileo, si che la statua in fero che era sta fata par la giornada dei zoeni nel dumila e che ia butà in un cantier a ruzenirse e piegarse, tanto che l’artista scultor la ciapà scala e color e le ndà a vernisarlo de roso, parchè che l’opera li l’è sangue del so sangue, (ma ci no l’è artista ste robe qua no el pol saverle) par riciamar un po l’attenzion.

Ecco, me immagino un doman: rivo in zona industriale, vao verso la discarica, sto par imbocar el viale del silenzio del vero, dela carta, del seco e dei erbazi….quando ecco che me bate l’ocio li, in mezo al campo me vedo Bertolini con la scala, intento a piturar la so opera d’arte, anzi, a scrivar un messaggio de rivalsa sociale: CHE VA CUNA’!

Post Correlati

Lascia un commento

*