Mario Donadoni

I vincitori del Concorso letterario “Mario Donadoni”

Si sono svolte sabato 18 ottobre, presso l’auditorium della biblioteca civica, le premiazioni del 15° concorso letterario intitolato a Mario Donadoni. Pur rinnovandosi ad ogni edizione nella forma e negli intendimenti, il premio “Donadoni” mantiene intatto l’obiettivo primario che è quello di esplorare e valorizzare il legame culturale ed affettivo che esiste tra la lingua veneta e quel mondo di tradizioni, di usi e costumi, di valori, di antica saggezza che essa trasmette.

L’introduzione di una sezione in lingua italiana, novità di quest’anno, ha dato la possibilità di partecipare anche a tutti i poeti che non hanno familiarità con il dialetto; erano due infatti le sezioni di concorso: in italiano (poesia a tema libero) e in dialetto (cultura veneta). Promosso dal Comune di Bovolone, tramite l’assessorato alla cultura e la biblioteca civica, il premio “Donadoni” da anni si fregia di prestigiosi riconoscimenti quali la medaglia del Presidente della Repubblica, la medaglia del Santo Padre, il patrocinio della Regione del Veneto e della Provincia di Verona e si caratterizza per il coinvolgimento dei veneti emigrati all’estero, peculiarità questa che lo distingue da tutti gli altri concorsi letterari.

La commissione giudicatrice composta da Francesco Occhi, presidente, Lucia Beltrame Menini, Nadia Zanini, Giovanni Benaglio e Giovanni Rapelli, ha esaminato i 128 testi pervenuti entro i termini, equamente ripartiti tra le due sezioni, ed ha stilato la graduatoria di merito; sulle risultanze di questa classifica, il Comune ha staccato due assegni da mille euro ciascuno per i primi premi delle due sezioni, che sono andati rispettivamente a Bianca Maria Rorato di Treviso, per la poesia “Volano tovaglie” e a Marisa Danzi di Verona, per il racconto “Un scartosso de mandrigoli”.

Questi gli altri concorrenti premiati:

Per la sezione A (poesia in italiano):
2° classificata, Giada Vicentini di Bovolone con “Silenzio”
3° classificata, Zuccoli Marina di Bologna con “Il Rimpianto”

Per la sezione B (cultura veneta):
2° classificato, Terenzio Gambin di Treviso con il divertente racconto “Ancora fasoi?”
3° classificato, Aldo Tognon di Grado con la poesia “La batela”.

Altri riconoscimenti sono andati a Flavia Merlin, per la poesia “Vibrazioni”, miglior testo di Bovolone, a Oliva Maggi Reck, dal Brasile, miglior testo dall’estero, a Giorgio Sembenini di Pastrengo. A Graziella Fossà, recentemente scomparsa, già vincitrice di una precedente edizione del concorso, è stata assegnata una targa alla memoria per una poesia dal titolo tristemente premonitore: “Vi lascio”.

Un’altra edizione del premio letterario “Mario Donadoni” viene dunque archiviata, con soddisfazione da parte degli organizzatori, per la buona adesione di partecipanti e per il livello qualitativo dei testi pervenuti.

Lo scrittore Andrea Molesini, ospite d’onore della serata, ha incantato il pubblico parlando di storia e di letteratura, prendendo come spunto il suo ultimo libro “Presagio” ed. Sellerio. Affascinante la protagonista del romanzo che addensa su di sé gli oscuri presagi del tramonto di un’epoca come la belle époque e l’incombente minaccia di uno spaventoso conflitto che esplodeva giusto cent’anni fa.

Infine, ottimo il lavoro dell’Associazione Neverland Contaminazioni Culturali, che ha seguito ogni aspetto relativo a progetto artistico, conduzione, allestimento e regia della serata di premiazione.

Annarosa Tomezzoli

Post Correlati

Lascia un commento

*